Team New Zealand, il lupo solitario che si è ripreso l’America’s Cup

In un libro in uscita in Nuova Zelanda gli ultimi 14 anni degli All Blacks della vela, dall’affondamento del 2003 alla vittoria di Bermuda

La copertina del libro di Richard Gladwell


Pubblicato il 29/10/2017
Ultima modifica il 29/10/2017 alle ore 19:40

“Alla fine del 2016, quando rifiutarono di sottoscrivere un accordo sul futuro delle due prossime edizioni dell’America’s Cup, Team New Zealand assunse il ruolo di lupo solitario...”. Così scrive Richard Gladwell, giornalista neozelandese, nel libro “Lone Wolf. How Emirates Team New Zealand stunned the world” (Upstar Press Ltd, 208 pagine) . Un libro che si può dire sia il contro altare di “The Comeback: how Larry Ellison team won the America’s Cup di G. Bruce Knecht ( CreateSpace Independent Publishing Platform, 148 pagine), che nel 2016 esaltò la clamorosa rimonta di Oracle a San Francisco, nella penultima edizione della Coppa. 

 

 

 

 

Gladwell celebra la vittoria dei kiwi a Bermuda e racconta il lungo cammino compiuto dal team per arrivarci, a partire dal 2003, quando la squadra era a pezzi, affondata dopo aver perso il trofeo ed era stata presa in mano dall’attuale ceo Grant Dalton e dal presidente (ma allora capo dei mates) Matteo de Nora. Uno dei pochi libri usciti sugli All Blacks della vela, l’ultimo risale al 1987. 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno

ticketcrociere