Nel Vco diminuiscono gli infortuni sul lavoro, ma aumentano quelli mortali

Dati dell’Inail rielaborati dalla Cisl Piemonte Orientale: calano anche le malattie professionali


Pubblicato il 03/11/2017
Ultima modifica il 03/11/2017 alle ore 20:45
verbania

Il Verbano Cusio Ossola in contro tendenza rispetto alle province di Novara, BIella e Vercelli per quanto riguarda gli infortuni sul lavoro. È questo il qusdro che emerge dall’analisi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro nel Piemonte Orientale, secondo i dati Inail, rielaborati dalla Cisl territoriale. 

 

Nei primi otto mesi dell’anno, Novara è in testa con 2.487 infortuni denunciati, seguita da Vercelli con 1.369, Verbania con 979 e Biella con 935. Gli incidenti sul lavoro fanno registrare, rispetto ad agosto 2016, un lieve aumento in tutte le province del Quadrante tranne che nel Vco. A Verbania infatti diminuiscono di 14 unità ma crescono quelli mortali, passati da zero a 4 in un solo anno. Gli incidenti mortali restano invariati a Novara e Vercelli, con 3 e 2 decessi e aumentano di un unità a Biella. 

 

Scendono invece le malattie professionali denunciate, ad eccezione di Biella e Verbania. Nella prima si registra, sempre negli ultimi dodici mesi, un raddoppio dei casi denunciati, passati da 29 a 57, e Verbania da 21 a 23, mentre a Novara passano da 108 a 103 e a Vercelli da 120 a 81. 

 

 

«La sicurezza nei luoghi dei lavoro è un punto irrinunciabile della nostra azione» il commento del segretario generale della Cisl Piemonte Orientale, Luca Caretti. 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno