Arona, i pendolari dei treni restano senza il loro Comitato

La presidente uscente Lisa Tamaro si è dimessa e si è sciolto l’organismo che dava voce

La presidente del comitato dei pendolari, Lisa Tamaro, dimissionaria


Pubblicato il 13/11/2017
ARONA

I pendolari delle linee Domodossola-Milano e Arona-Novara sono rimasti senza il Comitato che per anni li ha rappresentati sui tavoli in Regione Piemonte e Lombardia. Il presidente uscente si è dimesso, nessuno ha preso il suo posto e l’assemblea che si è svolta ad Arona l’altro giorno non ha potuto far altro che sancire lo scioglimento dell’organismo che dava loro voce. In assenza di un organismo riconosciuto e regolato da uno statuto, agli incontri potranno comunque partecipare le singole persone.  

 

La presidente dimissionaria Tamaro sottolinea che non sarà la stessa cosa: «La cosa ci preoccupa non poco, perché a quei tavoli siederanno i rappresentanti di altri comitati, con interessi divergenti dai nostri. Ad esempio, quello di Gallarate spinge da tempo perché i treni regionali facciano tutte le fermate in direzione di Milano e viceversa. Se così fosse, un pendolare che la mattina parte da Domodossola verso il capoluogo lombardo non arriverebbe mai a destinazione».  

A rappresentare i viaggiatori di Novarese e Vco potrebbe formarsi un comitato di sindaci. Si sta predisponendo una bozza, al vaglio delle amministrazioni interessate. 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno