Gli studenti scoprono il fascino delle fabbriche

Pmi day, 26 aziende aprono le porte ai ragazzi di Iti e Bona


Pubblicato il 14/11/2017
biella

Filature, tintorie, lanifici, ma anche industrie dell’agroalimentare e produttrici di complementi per arredamento. Giovedì e venerdì di questa settimana l’Unione Industriale aderisce all’ottava giornata nazionale delle Piccole e Medie Imprese e spalanca le porte delle proprie imprese (in totale 26 fabbriche) a 412 studenti. Organizzato da Piccola Industria, il Pmi Day-Industriamoci (e parte integrante della XVI Settimana della Cultura d’Impresa) è un’iniziativa pensata per contribuire a diffondere la conoscenza della realtà produttiva del territorio, un’occasione per raccontare la storia dell’impresa, l’orgoglio, i valori e la cultura che sottostanno al lavoro quotidiano delle persone che ne fanno parte. Questa edizione coinvolgerà i ragazzi degli istituti superiori Iis E.Bona e Iis Q.Sella che, nell’arco dei due giorni dell’iniziativa, potranno vedere come nascono i prodotti e i servizi all’interno delle aziende del territorio, cogliendo l’esperienza delle persone che contribuiscono a realizzarli. 

 

PASSIONE  

«Il valore delle conoscenze delle persone è un patrimonio inestimabile per le nostre imprese – sottolinea Andrea Bonino, presidente del Comitato Piccola Industria dell’Uib – perché è grazie alla passione delle persone che nascono quella creatività e quell’innovazione che non possono essere copiate. Il tema che verrà approfondito quest’anno sarà la contraffazione e le azioni svolte da Confindustria sull’argomento. Sono convinto che sia fondamentale intervenire proprio sull’aspetto culturale della questione, sensibilizzando soprattutto i giovani sui rischi della contraffazione non solo per l’industria ma anche per il benessere delle persone. Resta inoltre centrale la valenza formativa della giornata: poter vedere dal vivo come funzionano le aziende di diversi settori significa per i ragazzi avere anche una visione più chiara nella scelta della propria carriera scolastica prima e lavorativa poi». 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno