L’incontro tra Cavicchioli e Boschi “sblocca” l’assegno da 2 milioni per riqualificare Chiavazza e Riva

Foto di Marco Ortogni


Pubblicato il 14/11/2017
biella

Bando delle periferie: qualche progetto è già pronto (è il caso del raddoppio del centro di prima accoglienza per senza fissa dimora nei locali dell’istituto Belletti Bona), e qualche altro è già anche stato portato a termine con un anticipo di cassa (la sistemazione di Salita di Riva). Ma lo sblocco dei 2 milioni per la riqualificazione dei quartieri di Riva e Chiavazza che Biella si è portata a casa con un terzo posto nel bando da 210 milioni di euro, è avvenuto ufficialmente ieri a Brescia, con la firma della convenzione tra il Governo e i comuni inseriti nella graduatoria, alla presenza del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi. A rappresentare Biella il sindaco Marco Cavicchioli e il funzionario Alberto Cecca. 

 

MACRO AREE  

Dopo il mega restyling da 18 milioni di euro che ha riguardato l’asse attorno a via Pietro Micca che dovrebbe chiudersi entro la fine dell'anno con l’autosilo ex Boglietti, Palazzo Oropa pensa a Riva e a Chiavazza. Dei 210 milioni di euro messi a disposizione da Palazzo Chigi per il bando, circa 2 sono stati destinati a Biella. Che assieme ad altrettanti messi sul piatto dal Comune, daranno alla periferia urbana un nuovo volto attraverso il piano ribattezzato «Rigener@zioneurbana». Il progetto è diviso in cinque macro-aree tematiche (servizi per lo sport e il tempo libero, decoro e arredo urbano, qualità dell’abitare ed educazione, sostegno alle attività economiche, comunicazione e partecipazione). Su alcuni interventi il Comune si era portato avanti finanziando i lavori con risorse proprie, mentre per altri l’iter è già stato avviato. 

 

PROGETTI  

Tra i progetti in cui il Comune si è portato avanti ci sono la sistemazione del campo da basket in piazza del Monte, la nuova pavimentazione di via Rosazza e l’intervento di consolidamento di muri di contenimento e sponde lungo via San Giuseppe. È invece già stata avviata la progettazione degli spogliatoi nel campo sportivo di viale Venezia, a Chiavazza, come pure il percorso ciclabile in via Collocapra che parte da via Cernaia. Proprio ieri, la giunta ha dato il via libera anche al progetto da 50 mila euro per l’acquisto di panchine e fioriere per l’arredo urbano in Riva. Ed è in programma anche la sostituzione con luci a led dei lampioni nelle vie Milano, Rosazza, Scaglia, Serralunga, Costa di Riva e piazza XXV Aprile. Ha il via libera dell’amministrazione anche il progetto per il raddoppio del centro di prima accoglienza per senza fissa dimora al Belletti Bona. Il capitolo riguardante la qualità dell’abitare e l’educazione comprende poi anche progetti contro il bullismo e la criminalità. L’ultimo capitolo riguarda la comunicazione e la partecipazione sullo sviluppo del progetto: per questo si pensa alla realizzazione di un «urban center» in collaborazione sempre con la Fondazione Pistoletto. 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno