Beve per errore candeggina, casalinga salvata con la camera iperbarica a Fara Novarese

È una donna di 67 anni di Gattinara, sottoposta a 6 ore di ossigenoterapia

La camera iperbarica dei «Cedri» di Fara Novarese


Pubblicato il 14/11/2017
Ultima modifica il 15/11/2017 alle ore 09:26
FARA NOVARESE

Il ricovero d’urgenza nella camera iperbarica dei Cedri di Fara ha salvato la vita a una casalinga di 67 anni di Gattinara, nel Vercellese, che aveva involontariamente bevuto quasi mezzo litro di candeggina. La donna è stata sottoposta a sei ore di ossigenoterapia applicando i tempi e le pressioni previste dalle tabelle di decompressione usate dai sommozzatori della Marina militare americana. La donna trascorrerà il decorso clinico nell’ospedale di Borgosesia. 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno