Zimbabwe, stretta sul presidente Mugabe: tank e soldati nella capitale Harare

L’esercito chiede di fermare l’epurazione che ha portato alla fuga del vicepresidente, potenziale successore dell’ultranovantenne capo di Stato
AP

Il capo dell’Esercito Constantino Chiwenga


Pubblicato il 14/11/2017
Ultima modifica il 14/11/2017 alle ore 20:18

Quattro carri armati sono stati visti dirigersi oggi verso la capitale dello Zimbabwe, Harare. A riferirlo sono alcuni testimoni e questi fatti giungono dopo che ieri il capo delle forze armate, Constantino Chiwenga, si è detto pronto a “intervenire” per porre fine a una purga di sostenitori del vice presidente, Emerson Mnangagwa, che è stato rimosso dall’incarico la scorsa settimana. Mnangagwa, da molti ritenuto il probabile successore del 93enne presidente Robert Mugabe, è stato rimosso proprio da Mugabe. Oggi il presidente, l’unico leader che il Paese abbia avuto in 37 anni di indipendenza, sta presiedendo una riunione settimanale del governo nella capitale, dove non si vedono in giro soldati e le attività sembrano procedere in modo normale. Un testimone di Reuters ha visto due tank parcheggiati accanto alla strada principale che collega Harare a Chinhoyi, a circa 20 chilometri dalla capitale. Secondo alcuni testimoni, però, i tank hanno girato prima di raggiungere Harare, dirigendosi verso il compound della Guardia presidenziale, nel sobborgo di Dzivarasekwa alle porte della città. 

 

“C’erano quattro carri armati e hanno girato proprio qui, potete vedere i segni sulla strada”, ha detto un testimone sull’autostrada di Chinhoyi, indicando proprio la strada che porta al compound della Guardia presidenziale, che ospita il battaglione incaricato di proteggere il presidente dello Zimbabwe. Mnangagwa, veterano delle guerre di liberazione dello Zimbabwe degli anni ’70, è benvoluto dai militari, che considerano la sua rimozione parte di una purga di figure del periodo dell’indipendenza mirato a spianare la strada a Mugabe per cedere il potere alla moglie Grace, 52 anni. “Dobbiamo ricordare a coloro che sono dietro alle attuali bravate sleali che quando si tratta di proteggere la nostra rivoluzione l’esercito non esiterà a intervenire”, aveva dichiarato ieri il capo delle forze armate Chiwenga. Grace Mugabe ha riscosso un forte successo fra la potente ala giovanile del partito al potere: ma la sua ascesa l’ha portata in conflitto con i veterani di guerra del periodo dell’indipendenza, che un tempo godevano di un ruolo privilegiato nel partito al governo sotto Mugabe, ma negli ultimi anni sono stati sempre più allontanati da alti ruoli di governo e nel partito. 

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno