Emma Marrone a Novara per La Stampa: inizia così il progetto contro il bullismo

Martedì al teatro Coccia la cantante incontra gli alunni di Fauser, Antonelli e Casorati

Emma Marrone sarà a Novara martedì 21


Pubblicato il 15/11/2017
NOVARA

Ci sarà Emma Marrone. Per Tommaso, per Carolina. Per i ragazzi che in questi anni sono stati vittime del bullismo in tutte le sue forme. Per chi non è riuscito a riprendersi una vita stravolta dalla violenza e per chi sta lottando per rialzare la testa. Soprattutto perché non accada mai più, a nessuno. È il motivo che ha spinto La Stampa - partendo proprio da Novara, segnata dalle tragedie dei due ragazzi - a creare il progetto «Bullifuorilegge».  

 

I progetti con le scuole  

È prevista un’azione all’interno di tre istituti superiori - Istituto tecnico Fauser, liceo scientifico Antonelli, liceo artistico Casorati - che si articolerà nei prossimi mesi con i laboratori curati dall’associazione CreAttivi attraverso video, fumetti e fotografia che si trasformeranno in prodotti da usare nelle campagne di sensibilizzazione su questo tema, anche oltre i confini del Novarese. E poi ci saranno gli incontri, riservati ai tre istituti - con personaggi che racconteranno le loro esperienze con il mondo dei social network e del bullismo declinato in tutte le sue sfumature. Per instaurare un dialogo, aiutare ad aprire porte di dolore che troppo spesso restano chiuse. 

 

Emma Marrone ha accolto il nostro invito al volo, con grande entusiamo. Il tempo di consultare l’agenda ed ecco la data per i ragazzi novaresi: sarà al teatro Coccia martedì 21 alle 11, intervistata dal giornalista de La Stampa Luca Dondoni e pronta a rispondere alle domande degli studenti. La cantante che ha iniziato a farsi conoscere dal grande pubblico nel 2010 con la vittoria al talent «Amici», per continuare in un crescendo di successi, racconterà anche del faccia a faccia con uno dei suoi persecutori che la bersagliava di insulti e pesanti molestie. Dialogo e prevenzione, anche su questo tema, sono fondamentali. Come le sinergie.  

 

Il ruolo delle Fondazioni

Non è un caso se il progetto «Bullifuorilegge» è sostenuto da più soggetti particolarmente attenti alle tematiche sociali: la Fondazione Banca Popolare di Novara, Fondazione comunitaria del Novarese, Fondazione De Agostini. Con loro l’Ufficio scolastico regionale , la Consulta degli studenti. Un’alleanza cementata dalla Fondazione La Stampa Specchio dei tempi che si è messa a disposizione dell’iniziativa. Tutti consapevoli che la battaglia contro il bullismo non sarà semplice e neppure veloce. Serve un’educazione digitale costante e testimonial per questa missione. Emma c’è. Non solo con le sue canzoni. 

 

home

home

La Stampa con te dove e quando vuoi

I più letti del giorno

I più letti del giorno