I ricchi sono sempre più ricchi?


Pubblicato il 12/01/2018
Ultima modifica il 12/01/2018 alle ore 10:14

Sembra proprio che sia così: la quota di reddito in mano alle persone più ricche è molto alta e tende a crescere. Non si tratta solo della crescita dei patrimoni, delle ricchezze accumulate grazie soprattutto all’aumento del valore delle azioni possedute, come rivelato dal Bloomberg billionaries index poco tempo fa. In questo caso si parla proprio del reddito che ogni anno finisce in tasca alle persone, il flusso di denaro guadagnato per essere speso o magari messo da parte.  

 

In Europa la quota che è toccata al 10% più ricco della popolazione è stata pari, nel 2016, al 27%: un decimo delle persone, quelle che stanno meglio, ha portato a casa un quarto dei soldi guadagnati.  

 

I dati sono il frutto di una lunga e ampia ricerca intitolata World Inequality Report condotta da oltre 100 economisti in tutto il mondo, coordinati dal francese Thomas Piketty (l’autore del libro «Il Capitale del XXI secolo»), che hanno preso in esame il periodo dal 1980 al 2016. 

 

La disuguaglianza è forte, ma non è uguale in tutti i Paesi e in tutte le aree del mondo. Il 27% del reddito che finisce al 10% più ricco della popolazione in Europa può sembrare un dato molto alto, ma resta inferiore rispetto a quello che succede (in ordine crescente) in Cina, Russia, Stati Uniti, Africa subsahariana, India, Brasile e Medio Oriente. In Medio Oriente al 10% che guadagna di più tocca addirittura il 60% di tutto il prodotto nazionale, mentre il 90% della popolazione vive con meno della metà del reddito prodotto.  

 

Negli ultimi 35 anni le cose sono peggiorate, ma non alla stessa velocità. Sempre considerando la quota di reddito che finisce in mano al 10% più privilegiato si scopre che Stati Uniti, Europa e Russia erano in situazione abbastanza simile 35 anni fa. Adesso negli Stati Uniti e in Russia i più ricchi incassano il 46% del reddito totale, mentre in Europa la disuguaglianza è cresciuta, ma decisamente meno. 

 

La buona notizia è che comunque i redditi sono aumentati nel tempo. Però la esigua minoranza dell’1% più ricco del pianeta in questi ultimi 35 anni avrebbe beneficiato del 27% di questa crescita, mentre il 50% più povero, cioè metà della popolazione mondiale pari a circa 3 miliardi e 700 milioni di individui, si è dovuta accontentare solo del 12% di tale aumento. 

 

La scoperta fatta dai ricercatori è però anche un’altra. La fascia che ha visto peggiorare la situazione rispetto agli altri è soprattutto la classe media, quella che sta in mezzo tra i più ricchi e i più poveri. Il reddito della classe media è cresciuto, ma meno di quello dei più ricchi e anche meno di quello dei più poveri.  

home

home

I più letti del giorno

I più letti del giorno